Come funziona

All’interno di una transazione registrata sulla blockchain viene inserito un identificativo univoco, l’hash value – calcolato con la funzione crittografica SHA256 – che caratterizza inequivocabilmente l’insieme dei dati che compongono il tuo file digitale (pdf, word, database ecc.) come se fosse l’unica e incontrovertibile impronta digitale del tuo documento.

Si ottiene così che l’immutabilità e la marcatura temporale della transazione registrata sulla blockchain si trasferiscano anche all’impronta digitale, rendendo possibile, in ogni momento successivo, dimostrare che quel documento esisteva esattamente in quello stato al momento della marcatura temporale.

Una qualsiasi modifica al file originale comporta la generazioni di un differente hash value e, conseguentemente, di una differente impronta digitale.

Dall’impronta digitale del file non è in alcun modo possibile risalire al file originale.

Stampiz utilizza esclusivamente blockchain pubbliche e si basa sullo standard OpenTimestamps.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: